Articoli

, ,

A Lezione di Sorriso: premiati i 10 vincitori del video-contest AIDI.

I 10 vincitori del video-contest “A Lezione di Sorriso” sono stati premiati come Top Hygienist AIDI durante il XXVI Congresso Nazionale AIDI (18-19 novembre 2016 – Bologna). A conquistare la giuria di esperti sono stati: per la categoria studenti Samuela Strammiello (La fantastica storia di Gino il dentino salentino) e Alessandro Marras (Igienista buono o cattivo?); mentre per la categoria igienisti dentali Anna Antonucci (Storie di ordinaria follia dentale), Roberto Salerno (La domanda), Sofia Drivas (Il futuro della salute? Nella tua mano), Porzia Ilaria Casadibari (ComicAIDI), Antonia Sinesi (Denti da sogno), Fabia Profili (Come prendersi cura della protesi dentale), Maria Teresa Martinelli (A scuola di prevenzione) e Francesca Attossico (A Lezione da Marzia).

Questi hanno ricevuto in premio:

  • la partecipazione gratuita all’Excellence Course in Comunicazione e Marketing, offerto da P&G e tenuto da alcuni dei maggiori influencer italiani;
  • l’opportunità di essere Testimonial Oral B nei corsi territoriali.

I video sono visibili: 

“A Lezione di Sorriso” è stato il primo video-contest rivolto agli igienisti dentali soci AIDI e agli studenti di Igiene Dentale affiliati. Una sfida partita nei mesi estivi e conclusasi lo scorso settembre.

In modo originale, divertente e ironico, ognuno di loro ha illustrato in un video tutorial su come prendersi cura dei propri denti, scegliendo una delle tre categorie proposte: consigli per i denti dei bambini, consigli per i denti naturali, consigli per le protesi dentali.

La nostra giura di esperti, composta dai rappresentanti del Consiglio Direttivo AIDI e da due esperti di comunicazione e marketing rispettivamente di Procter & Gamble e di O.I.C. Group, ha poi selezionato i vincitori, scegliendo i 10 video più simpatici e istruttivi.

, ,

Il XXVI Congresso Nazionale AIDI sta per iniziare!

Manca poco all’inizio del XXVI Congresso Nazionale AIDI, che si svolgerà venerdì 18 e sabato 19 novembre presso il Savoia Hotel Regency a Bologna.

Un appuntamento che si ripete con entusiasmo ogni anno e che per questo 2016 ha scelto come tema principale “La vita inizia con la cura dell’igienista dentale”. 

Si parlerà in maniera approfondita della cura prestata dall’igienista dentale al bambino, delle potenzialità del ruolo che questo operatore sanitario svolge nei primi mille giorni di vita del nuovo essere venuto al mondo, spaziando da temi strettamente legati al mondo dell’ortodonzia a settori più vicini all’ambito psicologico.

Notevole è anche il pool di esperti che AIDI ha chiamato a presenziare questo XXVI Congresso Nazionale. Personalità di altissimo profilo operanti a livello internazionale si cimenteranno in corsi monotematici interattivi, lavori di gruppo e momenti di discussione e approfondimento. 

Ricordiamo anche la collaborazione tra AIDI e AIOP, Associazione Italiana Odontoiatria Protesica. L’occasione è stata colta per creare un corso ad hoc sulle “Controversie attuali e prospettive future in terapia di supporto”.

Il XXVI Congresso Nazionale AIDI sarà quindi un momento di alta formazione, un’arena in cui confrontarsi, condividere esperienze e punti di vista, ma anche un’ottima occasione per favorire l’incontro tra i nostri iscritti. Complice la location e il clima gioioso che da sempre accompagna gli incontri organizzati da AIDI. 

Il XXVI Congresso Nazionale AIDI sta per iniziare! 

,

Lego Serious Play al XXVI Congresso Nazionale AIDI

Partecipa al corso monografico “The united colours of young dental patients. A workshop in communication skills”, sabato 19 novembre, nell’ambito del Congresso Nazionale AIDI. Qui sotto le info.

Per partecipare clicca qui.

 

The united colours of younger dental patients

14.00-18.00

Corso completamente pratico a gruppi che lavoreranno da subito in tavoli da 10 persone con la  metodologia LEGO® SERIOUS Play®

Dott. Mário Rui Araújo (Lisbona – P), Dott.ssa Marjolijn Hovius (Wijdenes – NL),

Tutors: Dott.ssa Emilia d’Agostino (Genova), Dott.ssa Manuela Durand (Aosta), Dott.ssa Scilla Sparabombe (Ancona).

Traduttori: Alessandra Lissoni (Milano), Enrica Scagnetto (Roma).

CORSO DI COMUNICAZIONE ESPERENZIALE  ATTRAVERSO I LEGO

Perché Lego? Perché vogliamo raccogliere e incentivare pienamente l’intuizione, le idee e la fantasia a disposizione nei gruppi. La metodologia LEGO® SERIOUS Play® attinge e sfrutta le capacità umane di immaginare; serve a descrivere e a dare un senso alla tematica che intendiamo trattare, con tutto quello che abbiamo a portata di mano. Contribuisce con efficacia a dare vita al cambiamento, al miglioramento, ed anche perché no, per creare qualcosa di radicalmente nuovo.

La metodologia LEGO® SERIOUS Play® è una tecnica che aiuta a sbloccare il potenziale di tutti i partecipanti al workshop. I materiali e la metodologia utilizzata, sono particolarmente efficaci quando il soggetto e l’obiettivo che si vogliono descrivere e raggiungere sono  complessi e sfaccettati e vi è la necessità di cogliere il quadro generale, trovare connessioni e di esplorare le opzioni e le possibili soluzioni.
E’ importante prendere decisioni che ognuno dei partecipanti si impegna ad onorare per il  termine della riunione, anche quando  non si è d’accordo al 100%. Si inizierà quindi, con il chiedere ad ogni membro del team o partecipante le stesse domande,  che comporteranno sostanzialmente diverse risposte alle quali tutti nel gruppo  dovranno avere interesse a contribuire;  è importante che tutti partecipino alle discussioni e contribuiscano attraverso la loro conoscenza e le loro opinioni affinché si aumenti la comprensione  tra l’intera squadra e allo stesso tempo si evitino le frustrazioni.

Si vuole usare il tempo in modo efficiente, non ci sono risposte ovvie in quanto si desidera acquisire nuove conoscenze, intuizioni e nuovi modi di pensare. Si vuole affrontare questioni difficili e complesse in un clima costruttivo.

E’ di vitale importanza che i partecipanti esprimano i loro veri sentimenti senza intimidire nessuno o sentirsi intimiditi al fine di evitare che si verifichino situazioni in cui alcuni membri tendano a dominare le discussioni e in quel caso si interverrà per rompere la routine senza creare attriti tra i partecipanti. Si lavorerà per creare condizioni di parità nella  discussione, affinché non si verifichi che nel  gruppo qualcuno percepisca questi incontri come una perdita di tempo.
Si cercherà di evitare che i partecipanti sentano che c’è stata mancanza di iniziativa dopo la riunione. Esiste anche il rischio che alcuni partecipanti ritengano di non essere stati ascoltati e/o coinvolti nella decisione o che sentano di non essere riusciti ad esprimere iniziativa e collaborazione , per tutte queste possibilità, si agirà in modo da garantire che tutti i partecipanti sentano che stanno condividendo un progetto, che comprendano l’obiettivo e che abbiano un quadro di riferimento comune.

Jobs act e dintorni. Aggiornamento professionale, fiscale, legale. I corsi del Congresso Nazionale AIDI

Jobs act e dintorni. Aggiornamento professionale, fiscale, legale. 

Venerdì 18 novembre, Bologna

PROGRAMMA SCIENTIFICO

9,00 -13,00

Prof. Giampiero Maci (Foggia), Avv. Fabrizio Mastro (Torino), Dott. Domenico Pignataro (Bari), Avv. Silvia Stefanelli (Bologna)

Tutors: Dott.ssa Maria Angela Corradini (Verona), Dott. Giuseppe Lipani (Siracusa)

9,00 – 9,30 Profili organizzativi, contabili e fiscali della professione

Giampiero Maci

9,30 – 10,00 Odontoiatri ed igienisti dentali: le novità del jobs act

Silvia Stefanelli

10,00 – 10,30 Il contratto di collaborazione tra odontoiatra e igienista dentale

Domenico Pignataro

10,30 – 11,00 Abusivismo professionale: come segnalare, come verificare l’esito della segnalazione, come ottenere un risarcimento danni

Fabrizio Mastro

11,00 – 13,00 Gruppi interattivi

Saranno sviluppati lavori di gruppo. Si formeranno gruppi, gestiti da tutti i relatori e tutor già presenti. Ogni gruppo simulerà alcune situazioni, individuate dalla platea, sui vari profili organizzativi, contabili e fiscali dell’igienista dentale, analizzando criticità e soluzioni. Ogni gruppo presenterà alla platea la soluzione individuata nel momento di discussione/crescita/confronto

Giampiero Maci, Silvia Stefanelli, Domenico Pignataro, Fabrizio Mastro, Maria Angela Corradini, Giuseppe Lipani

Per ulteriori infirmazioni sul XXVI Congresso Nazionale AIDI clicca qui

I corsi monografici del Congresso Nazionale AIDI. The united colours of young dental patients. A workshop in communication skills

Ecco la presentazione di uno dei corsi monografici del Congresso Nazionale AIDI.

The united colours of young dental patients. A workshop in communication skills

Dott. Mário Rui Araújo’ (Lisbona – P), Dott.ssa Marjolijn Hovius (Wijdenes – NL),

Tutors: Dott.ssa Emilia d’Agostino (Genova), Dott.ssa Manuela Durand (Aosta),

Dott.ssa Scilla Sparabombe (Ancona)

Traduce Alessandra Lissoni (Milano), Enrica Scagnetto (Roma)

Razionale:

Communicating with patients from all ages can sometimes be very easy and sometimes be very complex. How come that you then do not seem to connect and what can you do about it?

In this workshop in communication skills we will address the following topics:

How different are our younger patients and how do we communicate with them?

Why is good communication so complex and how important it is for health behavioural changes?

What strategies can be applied? Which one works best for you and the patients?

The workshop will be challenging and fun but it expects from the participants a creative attitude and the will to try new concepts and new roads in behavioural change.

Per ulteriori informazioni riguardo i corsi monografici del Congresso Nazionale AIDI clicca qui

I corsi monografici del Congresso Nazionale AIDI. AIDI in AIOP: controversie attuali e prospettive future in terapia di supporto

AIDI in AIOP: controversie attuali e prospettive future in terapia di supporto

(questo corso si terrà presso il Palazzo della Cultura e dei Congressi di Bologna, in occasione del XXXV Congresso Internazionale AIOP, in sala dedicata).

Moderatore: Dott.ssa Chiara Camorali (Parma), Dott.ssa Costanza Micarelli (Roma)

Dott. Carlo Poggio (Milano), Dott. Johannes Schmitz (Milano), Dott.ssa Silvia Bresciano (Torino)

Tutor: Dott.ssa Maura Mazzetti (Bologna)

Razionale:

Con l’allungarsi della vita, grazie al miglioramento delle terapie odontoiatriche e la conseguente ritenuta dei denti, è aumentato il numero di pazienti portatori di i restauri protesici fissi o rimovibili, su denti naturali o su impianti, che necessita di supporto per il mantenimento nel tempo della riabilitazione eseguita

Inoltre, la perdita di struttura dentale che caratterizza questi pazienti è spesso dovuta ad un’eziologia complessa, con numerosi fattori concorrenti, che porta, per ripristinare funzione ed estetica, ad un trattamento multidisciplinare spesso sofisticato e costoso.

Per aiutare il paziente nel mantenimento, il clinico deve fornire la miglior terapia possibile valutando le esigenze specifiche del caso, i fattori di rischio concomitanti e le migliori informazioni scientifiche a disposizione.

Purtroppo in letteratura si riscontra una carenza di dati adeguati a stabilire i migliori protocolli specifici per la gestione dei pazienti protesizzati.

Per ovviare al problema, l’American College of Prosthodontists,  l’American Academy of General Dendistry e l’American Dental Association hanno pubblicato nel 2016 delle linee guida cliniche per i richiami ed il mantenimento dei pazienti con restauri fissi e/o rimovibili sia su denti naturali sia su impianti.

La stesura di queste linee guida, per pazienti adulti con buona salute generale, è avvenuta mediante una revisione sistematica della letteratura scientifica dal 1999 al 2014 con l’obiettivo principale di evidenziare le cause d’insuccesso dei restauri protesici.

I protocolli di richiamo periodico, di terapia professionale di mantenimento e di igiene domiciliare in presenza di restauri protesici sono stati dunque standardizzati per consentire al clinico di impostare correttamente la terapia di supporto.

Dr. Carlo Poggio

Le preparazioni protesiche e i manufatti: il disegno del margine e la gestione del profilo di emergenza per la salute parodontale e perimplantare

L’integrazione tra restauro protesico e tessuti molli è di importanza fondamentale per il successo a lungo termine degli elementi dentali sottoposti a terapia ricostruttiva, sia dal punto di vista biologico che dal punto di vista del risultato estetico. Idealmente fin dalla fase di protesi provvisoria dovrebbero essere definiti rapporti quanto più simili a quelli realizzati nella protesi definitiva.  Il profilo d’emergenza del restauro, assieme alla posizione del margine, alla precisione marginale ed al materiale del restauro,  sono i parametri prevalenti considerati dalla letteratura come influenti sull’integrazione tra restauro e parodonto. Uno dei limiti per una valutazione dei dati di letteratura disponibili relativamente a questi fattori è che difficilmente  gli studi clinici esistenti sono in grado di valutare il singolo parametro piuttosto che la risultante complessiva.  Nonostante questo la letteratura esistente è grosso modo concorde nelle indicazioni dei parametri essenziali per un restauro di successo, pur esistendo tuttora una serie di aspetti rilevanti sui quali non vi sono evidenze scientifiche di qualità ma piuttosto procedure empiriche e prassi consolidate.

Dr. Johannes Schmitz

I nuovi materiali protesici: caratteristiche, biocompatibilità e mantenimento

Il ruolo dell’igienista è fondamentale nell’ambito del team odontoiatrico per ottenere risultati di eccellenza. La scienza dei materiali odontoiatrici e delle tecnologie utilizzate in ambito protesico e conservativo è in continua evoluzione. E’ dunque importante che la figura professionale dell’ igienista dentale si tenga aggiornata per essere a conoscenza dei vantaggi e dei limiti dei materiali utilizzati per la realizzazione dei manufatti e delle loro potenziali interazioni con i prodotti e le procedure utilizzate durante la riabilitazione igienico orale prima e successivamente durante la terapia di mantenimento.

Dr. Silvia Bresciano

La preparazione del paziente al trattamento protesico: valutazione e controllo dei fattori di rischio

TPS in protesi: caratteristiche e timing Discussione interattiva di casi clinici

Con l’allungarsi della vita, grazie al miglioramento delle terapie odontoiatriche e la conseguente ritenuta dei denti, è aumentato il numero di pazienti portatori di i restauri protesici fissi o rimovibili, su denti naturali o su impianti, che necessita di supporto per il mantenimento nel tempo della riabilitazione eseguita

Inoltre, la perdita di struttura dentale che caratterizza questi pazienti è spesso dovuta ad un’eziologia complessa, con numerosi fattori concorrenti, che porta, per ripristinare funzione ed estetica, ad un trattamento multidisciplinare spesso sofisticato e costoso.

Per aiutare il paziente nel mantenimento, il clinico deve fornire la miglior terapia possibile valutando le esigenze specifiche del caso, i fattori di rischio concomitanti e le migliori informazioni scientifiche a disposizione.

Purtroppo in letteratura si riscontra una carenza di dati adeguati a stabilire i migliori protocolli specifici per la gestione dei pazienti protesizzati.

Per ovviare al problema, l’American College of Prosthodontists,  l’American Academy of General Dendistry e l’American Dental Association hanno pubblicato nel 2016 delle linee guida cliniche per i richiami ed il mantenimento dei pazienti con restauri fissi e/o rimovibili sia su denti naturali sia su impianti.

La stesura di queste linee guida, per pazienti adulti con buona salute generale, è avvenuta mediante una revisione sistematica della letteratura scientifica dal 1999 al 2014 con l’obiettivo principale di evidenziare le cause d’insuccesso dei restauri protesici.

I protocolli di richiamo periodico, di terapia professionale di mantenimento e di igiene domiciliare in presenza di restauri protesici sono stati dunque standardizzati per consentire al clinico di impostare correttamente la terapia di supporto.

Programma:

Preparazione del paziente al trattamento protesico complesso.

Valutazione e controllo dei fattori eziologici e di rischio che hanno portato alla compromissione dentale.

Linee guida cliniche, specifiche per restauri protesi fissi e mobili, sia su denti naturali sia su impianti, con particolare evidenza ai richiami periodici, alla terapia professionale di mantenimento e alle manovre domiciliari di prevenzione.

9.00 – 9.15 Introduzione a cura del coordinatore

Dr. Costanza Micarelli; Dr. Chiara Camorali

9.15 – 10.00 Le preparazioni protesiche e i manufatti: il disegno del margine e la gestione del profilo di emergenza per la salute parodontale e perimplantare

Dott. Carlo Poggio

10.00 – 10.45 I nuovi materiali protesici:caratteristiche, biocompatibilità e mantenimento

Dr. Johannes Schmitz

10.45-11.30 Coffee Break

11.30 – 11.45 La preparazione del paziente al trattamento protesico: valutazione e controllo dei fattori di rischio

Dott.ssa Silvia Bresciano

11.45 – 12.45 TPS in protesi: caratteristiche e timing. Discussione interattiva di casi clinici

Dott.ssa Silvia Bresciano –tutor dr.ssa Maura Mazzetti

12.45-13.00 Discussione in sessione plenaria

Dr. Costanza Micarelli; Dr. Chiara Camorali

Per ulteriori informazioni sul Congresso Nazionale AIDI che si terrà a Novembre a Bologna clicca qui

XXVI Congresso Nazionale AIDI, il 18 novembre si parte con i corsi monografici

Dopo il grande successo dell’Autumn Meeting a Riva del Garda che si è tenuto dal 30 settembre al 1 ottobre, ci si prepara al Congresso Nazionale AIDI.

Il XXVI Congresso Nazionale AIDI, che si terrà a Bologna presso Savoia Hotel Regency il 18 e 19 novembre, sarà incentrato sulla cura prestata dall’Igienista Dentale al bambino; sulle potenzialità del ruolo che questo operatore sanitario svolge nei primi mille giorni di vita del neonato e che del mondo, una volta adulto, sarà parte integrante.

Venerdì 18 novembre si parte con i corsi monografici. Dalle 9:00 alle 13:00 si parlerà di:

  1. Promozione della salute orale nei primi mille giorni
  2. Le alterazioni dello smalto: dall’intercettazione al trattamento
  3. Jobs act e dintorni. Aggiornamento professionale, fiscale, legale
  4. AIDI in AIOP: controversie attuali e prospettive future in terapia di supporto
  5. Corso di strumentazione ultrasonico per studenti CLID
  6. Spazio Aziende: tre corsi monotematici di un’ora ciascuno sponsorizzati
  7. Le persone a funzionamento autistico, la cura e la prevenzione dentale: indicazioni pratiche

Si proseguirà Sabato 19 novembre dalle 14:00 alle 18:00 e si parlerà di:

  1. Strategie di intervento multidisciplinare nelle disfunzioni oro-facciali del piccolo paziente
  2.  Gestire emozioni, comportamenti e fiducia del bambino (e dei genitori) – Chiavi di lettura e strumenti pratici da Evoluzionismo e Neuroscienze per facilitare il lavoro
    dell’igienista dentale

Esperti dei vari settori, si susseguiranno in una serie di incontri mirati ad approfondire diverse tematiche come il gioco delle parti fra microbiota orale e carie, come utilizzare al meglio le scienze comportamentali indispensabili per gestire l’emotività del piccolo paziente e di chi lo conduce dall’igienista e per approfondire gli aspetti clinici e tecnologici nelle disfunzioni oro-facciali del bambino alla luce della sinergia di arte (clinica) e tecnologia (nuove strumentazioni).

La partecipazione al Congresso consentirà alla figura professionale dell’igienista dentale l’ottenimento dei crediti per l’Educazione Continua in Medicina (ECM). Per ulteriori informazioni sull’ottenimento dei crediti ECM e sulle modalità d’iscrizione e partecipazione visitate il sito AIDI.

 

,

XXVI Congresso Nazionale AIDI: il 18 e 19 novembre a Bologna

Si terrà il 18 e 19 novembre a Bologna presso il Savoia Hotel Regency il XXVI Congresso Nazionale AIDI dal titolo “La vita inizia con la cura dell’igienista dentale”.

“Il 26° Congresso Nazionale AIDI”, afferma la Presidente Antonia Abbinante “sarà un congresso a più voci, centrato sulla cura prestata dall’Igienista Dentale al bambino; sulle potenzialità del ruolo che questo operatore sanitario svolge nei primi mille giorni di vita del nuovo essere venuto al mondo e che del mondo, una volta adulto, sarà parte integrante con il suo decidere e con il suo operare. In ogni neonato è presente un patrimonio di valori, il potenziale di una nuova vita, in tre parole “In Puero Homo”- “Nel Bambino l’Uomo”. Una persona che sarà opportuno giunga alla fase operativa della sua esistenza in una “forma perfetta”, condizione indispensabile per il suo adeguato inserimento nel sociale. Un coro di esperti dei vari settori delle scienze di base, – continua la Presidente Antonia Abbinante – indispensabili per capire, tra i vari argomenti, il gioco delle parti fra microbiota orale e carie; per apprendere come utilizzare al meglio le scienze comportamentali indispensabili per gestire l’emotività del piccolo paziente e di chi lo conduce dall’igienista (i genitori); per approfondire gli aspetti clinici e tecnologici nelle disfunzioni oro-facciali del bambino alla luce della sinergia di arte (clinica) e tecnologia (nuove strumentazioni). Ma, anche, suggerimenti pratici mirati, per favorire la migliore operatività quotidiana: cosa si può e ettivamente fare?”.

Il corso permetterà ai partecipanti l’ottenimento dei crediti ECM. È ovviamente obbligatoria la partecipazione al 100% dell’attività d’aula e i crediti potranno essere rilasciati dal provider OIC srl solo a fronte del “Questionario di apprendimento”, della “Scheda Anagrafica” e della “Scheda di valutazione evento” debitamente compilati e firmati dal partecipante.

Il Congresso Nazionale AIDI, oltre che un’occasione di confronto e aggiornamento, sarà anche un momento di incontro. Infatti, venerdì 18 novembre alle ore 21:00, in un’area dedicata presso la sede congressuale, si terrà la Festa AIDI.

Per tutte le informazioni, le modalità di iscrizione e i pagamenti consultate questo link.

Per scaricare il programma del XXVII Congresso Nazionale cliccate qui.

Per scoprire come raggiungere la sede congressuale cliccate qui.